il Sapone

Corpo

Viso

Igiene


Il Sapone

Al Sapone voglio dedicare qualche parola in più, perchè tutto iniziò di lì, affascinato dalla sua storia e non solo.



Evito di perdere tempo nel parlare del sapone industriale o commerciale, sintetizzo dicendo che "non è sapone"!!!

Il sapone è il prodotto della saponificazione, una reazione chimica tra un acido debole (tipico dei trigliceridi, dei grassi) ed una base forte (gli idrossidi).

Oltre al sapone, un sale carbossilico, si ottengono dei sottoprodotti come il glicerolo e gli insaponificabili (polifenoli, fitosteroli etc).

Nella saponificazione naturale: sapone (il sale), glicerolo e insaponificabili coesistono in un'unica miscela solida: che comunemente chiamiamo sapone.

Il Sapone lava, il glicerolo reidrata, gli insaponificabili, principi attivi, riequilibrano il film idrolipidico superficiale.


Ogni grasso diventa sapone, ma non tutti i saponi sono uguali.

I Saponi per uso cosmetico nacquerò con l'Islam circa 1500 anni fa, nei e tra i rituali degli Hammam e, d'allora, la ricetta non è mai cambiata.

Sapone di Nablus

Sapone da solo puro ExtraVergine d'Oliva, saponificato a freddo con almeno 3 mesi di stagionatura.

Sapone d'Aleppo

Sapone da oleolito d'alloro, in solo puro ExtraVergine d'Oliva, e olio di bacche d'alloro, saponificato a freddo con almeno 12 mesi di stagionatura.


Un po' per gioco, saponificai, senza saperlo, il Sapone di Nablus con risultati che mi lasciarono di stucco.

Eravano nel pieno dell'inverno, nel freddo gennaio, con le mie mani perennemente screpolate, tanto da non farci nemmeno più caso.

Avevo bisogno di un "detersivo" naturale per le mie pentole in pietra, acquistate un po' qui un po' lì nei viaggi di lavoro.
Il web mi indirizzò verso il vecchio sapone e riportò alla mia mente alcuni laboratori di chimica, fatti al primo anno d'università, parecchi anni fa, parecchi di più di quelli che vorrei ricordare...
...e saponificai l'ExtraVergine che, da buon garganico, avevo in casa.

All'inizio lo feci "cotto" per usarlo subito e, lavando i piatti vidi scomparire, come per miracolo, le piaghe sul dorso delle mie mai.

Incredulo, mi "ingrippai" nel suo affascinante mondo, fatto di storie, di leggende, di spezie, di essenze... iniziò così l'esperienza del Beauty Skin Food!

 

Pensate al sapone come ad un prodotto vecchio, obsoleto, aggressivo per la vostra pelle?
Per il bucato, ma non per il vostro corpo, figuriamoci per il vostro viso?
Bene, ciò che chiamate sapone... non è "Sapone"!!!
Perchè c'è sapone e "Sapone"!!!
Ogni grasso diventa sapone, ma il'ExtraVergine farà il "Sapone".

I passi successivi furono nella ricerca delle antiche ricette e nei tentativi di saponificarlo senza accendere nemmeno un fiammifero, in modo da non intaccare nessun principio attivo.

Casualmente incontrai di nuovo il mio passato, quando, lavorando in Austria, vagavo nei rigidi inverni nel triangolo del benessere (Graz, Budapest, Lubijana), dove l'antico Sapone incontrava spezie ed essenze nei "Savonage".

In pochi mesi, non comprai più nulla.

Mi facevo il Sapone e facevo tutto con il Sapone, anche il dentifricio!!!

Gli ingredienti? Erano tutti in cucina!!!
Cucinavo cibi da mangiare e da spalmare. FIAT lux!!!

"Savonage":
l'antico rituale di purificazione dell'Hammam arabo, atto necessario per il ricongiungimento con Allah.
Il "Savonage" è alla base di quasi tutti i trattamenti estetici dell'Hammam.
Adottato, oggi, anche dai centri termali e SPA di ispirazione romana e/o nordeuropea.